Intro,  💡 Consigli

Guida alcolica a Tokyo




Proverò ad andare dritto al punto: questa è una guida su come bere a Tokyo non su dove bere. Per quello, lascio spazio alla vostra immaginazione e al vostro senso d’avventura, tanto una volta individuati un paio di posti strategici sarà difficile sbagliarsi.

Sul “come bere” intendo essenzialmente due cose:

1. Bere senza spendere una fortuna.
2. Bere come delle dannate spugne ma al tempo stesso ritrovarvi carichi come una molla per affrontare il giorno successivo.

Benissimo, ce l’avete fatta. Finalmente siete in Giappone e per la precisione a Tokyo: il centro del mondo. Ogni riferimento al video degli 883 è puramente casuale: Tokyo è davvero il centro del mondo. Una città unica, indescrivibile, pazzesca, capace anche di far apparire provinciale anche New York. Immaginatevi a Kabukicho, immersi in una galassia di luci colorate, insegne al neon e cartelloni scintillanti. Suoni pazzeschi che provengono dagli altoparlanti insieme a musichette, canzoncine, ritornelli. Spot pubblicitari incomprensibili proiettati su megaschermi in continuazione, roba che a guardarli per un po’ può mandarvi fuori di testa. Bene, ora immaginate tutto questo con i vostri sensi amplificati o distorti dall’alcool: fidatevi, sarà uno spasso.

💴 Bere senza spendere una fortuna:

Consumare alcol per strada in Giappone è perfettamente legale e scene di uomini d’affari che si trascinano per strada ubriachi fradici sono all’ordine del giorno. In Giappone bere fino a sfinirsi è una pratica socialmente accettata. Bere per strada significa essenzialmente una cosa: potete tranquillamente rifornirvi ai Konbini (i convenience store aperti sempre e che trovate praticamente ovunque) quali 7eleven, Lawson e chi più ne ha più ne metta. Ma parliamo di cifre: il costo di una birra a Tokyo è sui 600¥ circa. In un Konbini vi troverete a pagare al massimo la metà per 250ml di sake.

Ce ne sono diverse varianti, piccole, grandi, in busta di cartone (tipo succo di frutta e con cannuccia annessa) allungato col latte di soia, di frumento di riso e chi più ne ha più ne metta. Il punto è: sperimentateli e vedete quale vi piace di più. Personalmente parlando, questo è il mio preferito.

(mi raccomando, una volta finito di bere, assicuratevi di non lasciare rifiuti in giro: a Tokyo non esistono cestini dell’immondizia, e quindi lattine o bottiglie di vetro vanno buttati negli appositi contenitori della raccolta differenziata che i Konbini stessi mettono a disposizione).

Un altro modo intelligente di bere, spendendo poco è quello della formula Nomihodai, o in altre parole, udite udite: all-you-can-drink. Ci sono molti locali che offrono quest’opzione e per una cifra attorno ai 1000¥ potete ingurgitare tutto l’alcol che volete.

🇯🇵 Piccola lezione di Giapponese: siete in un locale e volete chiedere se la formula del Nomihodai è possibile, assicurandovi che il prezzo sia ragionevole. Tutto quello che dovete chiedere è:

🗣 Sumimasen, Nomihodai koto ga dekimasuka? (mi scusi, offrite l’all you can drink?)
🗣 Ikura desu ka? (quanto costa?)

Il mio consiglio è quello di abbinare questa goliardia ad una serata canora: Karaoke Shidax o Karaoke Kan permettono la formula nomihodai quando si prenota una stanza per cantare. Ma occhio, andateci piano le conseguenze potrebbero essere disastrose.

🍶 Cosa bere?

Beh, la risposta è semplice ed è una: sake o meglio, Nihon-shu. Tenete bene a mente che in Giappone sake significa alcool in generale, quindi può voler dire tranquillamente birra, vodka o whisky. Quindi, quando ordinate il Nihon-shu, assicuratevi di essere espliciti ed evitare la parola sake, altrimenti è come dire “dell’alcool per favore!” (vi trovereste davanti la faccia imbarazzata dell’uomo oltre il bancone che non saprebbe cosa servirvi).

Ma parliamo di questa bevanda magica. Prima di tutto la gradazione: la gradazione può sembrare innocente, oscilla tra i 15 e 20 gradi, come un vino piuttosto robusto ma il suo impatto può essere ben più devastante. Il secondo aspetto magico del Nihon-shu è che non brucia alla gola, va giù che è una bellezza; mentre la terza meraviglia è la quasi totale assenza di sbornia. Il che vuol dire che il giorno dopo sarete freschi e riposati come una rosa pronti ad affrontare un nuovo giorno (test condotto su un campione di 6 persone, per una settimana).

Leggi anche :

    1. Come muoversi a Tokyo: guida pratica ai biglietti e mezzi
    2. Bancomat e Carte di credito in Giappone: prelevare denaro le cose da sapere
    3. Prodotti di bellezza giapponesi: dove e cosa comprare
    4. Cosmetici giapponesi : cosa comprare 2018
    5. Hakone : cosa vedere e come raggiungerla
    6. Come imparare il giapponese da zero

🍻 Bere al Golden Gai

Un altro posto dove vale la pena andare a bere qualcosa è il Golden Gai, ma fate attenzione: è una parte turistica e molto frequentata, così i locali (che sono piccolissimi massimo una decina di posti) applicano una fee all’ingresso. Vi consiglio quindi di cercare quelli che hanno la scritta fuori “NO CHARGE” (in molti casi questa regola si applica solo agli stranieri) eviterete un salasso e riuscirete a bere due buoni whisky al prezzo di uno. I baretti del Golden Gai hanno un’atmosfera molto amichevole, calda e rilassata, quindi non sono il posto più adatto dove fare baldoria. Sono consigliatissimi se volete starvene a sorseggiare in tutta tranquillità (ad un palmo di naso dalla barista pronta a riempirvi nuovamente il bicchiere quando occorre). Ah, a proposito di whisky qui è proprio quello che dovreste provare: si dice che ultimamente quelli Giapponesi siano in grado di competere egregiamene con quelli Scozzesi ed dalla mia esperienza, posso dirvi che è vero. Infine, un’ultima dritta sul “NO CHARGE”: a volte leggerlo fuori non basta, chiedete anche prima di entrata a chi è dietro al bancone, non si sa mai.




Photo from nativemejapan.com

🏮Alternative cheap

Infine un’alternativa cheap sono gli izakaya, posti dove servono da bere a poco prezzo e dove si possono ordinare piccoli piatti o stuzzicherie tipiche. A tal proposito, lasciatevi la yakitori alley come ultima opzione: l’alcol non è così economico e se proprio dovete ordinare spiedini alla griglia, fermatevi dopo un’ordine: quei cosi portano dipendenza e potreste ritrovarvi a spendere 50 euro a testa ed uscire di lì ancora affamati.

Infine, si può bere anche nei club ma i prezzi sono piuttosto alti, anche se con l’ingresso vi danno una o due consumazioni (perdonatemi ma non l’ho mai capito perchè non ci sono mai entrato da lucido, e il giorno dopo mi sono ritrovato sempre un paio di gettoni drink in tasca). Quindi il mio consiglio è di andare a bere altrove prima di fare serata.

🥂 Kanpaaaaaai 乾!

 




Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *